La sartoria delle parole

Primo incontro

Oggi alle ore 16.00 si terrà  il primo incontro dedicato al mondo delle parole, e sarà condotto dalla prof. Laura Franco. Anche quest’anno torna a Positano per divertirsi e far divertire con le parole. Si tratta sempre di un felice ritorno per noi che la abbiamo conosciuta anni fa con la lettura dei testi poetici delle canzoni di De André, e poi con i corsi di Haiku e di enigmistica.
Quando non insegna alla Sapienza o alla Casa delle Traduzioni fa seminari su invito per ‘parlare delle parole’.
La abbiamo incontrata oggi a Fornillo. Ecco le sue parole: “Si mi piace parlare, mi piacciono le parole e le idee che sono dietro o dentro o sotto o fuori dalle parole. E per non rimanere tra parole astratte ecco subito alcuni esempi concreti.
Prendiamo la parola Baguette: baguette fa subito pensare alla Francia e a uno sfilatino profumato che tutti comprano alla boulangerie prima di tornare a casa, troviamo aqua farina e lievito, profumo di pane fragrante. Ma voi preferite la mollica o il… culaccino, codino, cozzo, orello, orcello, orlittu? Ebbene si’ sono tutte varianti del cozzetto o cocuzzolo o… o… ma si potra’ dire? culetto del pane!
Torniamo seri e torniamo alla baguette. C’e’ anche chi o perche’ fa il gioielliere o perche’ ricorda Marilyn Monroe e  I diamanti sono i migliori amici delle donne pensa subito a un diamante di taglio rettangolare.
Ma se parliamo di borse la Baguette sara’ per tutti la Baguette di Fendi che ci trasmette un senso di lusso e di moda.
E la moda e’ un modo di vedere e il modo ci fa pensare al detto latino est modus in rebus. La citazione di Orazio continua con «v’è una misura nelle cose», ma le cose in latino erano rebus e noi questa volta non ci occuperemo di rebus!”
Oggi alle ore 16.00 in Biblioteca Laura Franco ci portera’ attraverso la storia delle parole e rispondera’ a chi vorra’ farle domande.

Secondo incontro

Si svolgerà domani 9 novembre 2013, alle ore 16 nella biblioteca di Positano il secondo incontro organizzato dalla Associazione Posidonia dedicato alle Parole della moda e le parole di moda. Questa volta saranno protagoniste le frasi idiomatiche legate all’abbigliamento:
Anche questa settimana la prof. Laura Franco è tornata a Positano, le abbiamo chiesto perché torna sempre volentieri a Positano?
‘Per moltissimi motivi: per la gente, per il silenzio, e per ‘vedere il sole sorgere dietro Praiano e  tramontare dietro a Li Galli’.
E tra l’alba e il tramonto cosa farai?
La mattina presto scenderò a Fornillo, camminerò a lungo lungo tutta  la Passeggiata degli italiani d’America e nel pomeriggio andrò in Biblioteca.
E’ vero che ti piacciono molto le biblioteche?
Sì moltissimo le biblioteche, le bibliotecarie, le attività in e –natiralmente– mi piacciono anche i libri. Ecco i libri fanno vedere panorami anche se siamo al chiuso di una stanza tra i palazzi. A volte i libri a volte mi fanno ricordare cose che credevo dimenticate, a volte riescono a farmi immaginare posti e atmosfere che non conosco’.
Parliamo di domani, domani saranno protagoniste le parole della moda: ci anticipi qualche argomento?
Giusto! Mi piace divagare, e decidere sul momento su cosa fermarmi, ma domani vorrei parlare delle frasi idiomatiche legate ai termini dell’abbigliamento.
Partiremo da alcune frasi come ‘mettersi nei panni altrui’ o ‘appendere il cappello al chiodo’ aggiungeremo quelle che verranno in mente ai partecipanti e… mi fermo qua, sennò dove sarà la sorpresa?  No, non mi fermo aggiungo che parleremo anche di come ci vestiamo…  e taccio’.
Ancora una volta, domani alle 16 Laura Franco ci porterà nel magico mondo delle affabulazioni e risponderà alle vostre domande.

Terzo incontro

Continua a Positano l’autunno all’insegna della moda! Sabato 16 novembre, presso la Biblioteca Comunale, si terrà il terzo e ultimo appuntamento relativo all’iniziativa “Parole della moda e parole di moda”. Gli incontri sono stati organizzati e curati dall’Associazione Posidonia e condotti da Laura Franco.
Dopo un viaggio attraverso le tappe principali che hanno segnato la storia della lingua italiana, l’analisi dei neologismi e delle parole di ultima generazione, abbiamo accolto e r-accolto le frasi idiomatiche in cui compaiono termini propri dell’abbigliamento. Ciò in una lezione tutta interattiva e multimediale, che ha visto l’unione di parole, immagini e video di moda!
Lo scorso appuntamento si è concluso con un gioco, il gioco delle venti domande, con cui ci siamo divertiti a indovinare oggetti di cui avevamo parlato nel corso del pomeriggio. E sabato continueremo a essere creativi! Sì, sabato la biblioteca si trasformerà in un atelier e noi andremo dietro le quinte per dar vita insieme a idee giocose e fantasiose!
Vi aspettiamo in biblioteca alle 16!

Laura Franco ha insegnato “Lessico Scientifico” e “Traduzione” alla “Sapienza” Università di Roma. Autrice di varie raccolte di short stories (la prima: La mela nel cassetto, Roma 1990, e la più recente: Angelina nel deserto, Narcissus 2012), ama definirsi giocoliera delle parole e intrattenere i neuroni suoi e altrui su temi legati alle parole e alla traduzione.